In questa sezione vogliamo condividere con te alcune informazioni importanti sulle RICEVUTE FISCALI.

DOVE ACQUISTARLE
Chi vende le ricevute fiscali deve essere in possesso di un'autorizzazione che viene rilasciata dall'Agenzia delle Entrate, la quale certifica l'idoneità alla stampa e alla rivendita degli stampati fiscali, in quanto bisogna essere in possesso dei requisiti richiesti dalla normativa vigente.
Su ogni ricevuta fiscale infatti, deve venire riportato il numero di autorizzazione del soggetto che effettua la stampa e del soggetto che ne effettua la rivendita (nel caso in cui questi due coincidano, verrà riportata una sola autorizzazione).
Per visualizzare la nostra autorizzazione, clicca qui.


QUALI DATI DEVE CONTENERE LA RICEVUTA FISCALE
- numerazione progressiva prestampata per anno solare, anche con l'adozione di prefissi alfabetici di serie;
- data di emissione;
- ditta, denominazione o ragione sociale, ovvero nome e cognome se persona fisica, domicilio fiscale e numero di partita IVA dell'emittente, nonché l'ubicazione dell'esercizio in cui viene esercitata l'attività;
- natura, qualità e quantità dei beni e servizi che sono oggetto dell'operazione;
- ammontare dei corrispettivi dovuti comprensivi dell'imposta sul valore aggiunto.




COME REGISTRARE IL CARICO DELLE RICEVUTE FISCALI
Una volta acquistate le ricevute fiscali, vanno registrate nel Registro di Carico, indicando la data in cui è stato effettuato l'acquisto, la serie (nell'esempio qui sotto è XAA) e la numerazione delle ricevute.La stessa cosa viene fatta dalla tipografia che le vende, la quale registra la vendita su un apposito Registro di Scarico. Ogni anno i soggetti che effettuano stampa e rivendita di ricevute fiscali devono effettuare una dichiarazione all'Agenzia delle Entrate, dove indicano quante ricevute hanno venduto e a chi le hanno vendute.

RICORDA!!
L'anno che è indicato nella numerazione fiscale (nell'esempio qui sotto il /15) non è una "scadenza" della ricevuta fiscale, è un identificativo per la tipografia che le ha stampate, in quanto ogni anno la numerazione fiscale riparte da 1, in questo modo si può risalire a quale anno sono state stampate le ricevute. Ad esempio le ricevute stampate nel 2015 (che avranno quindi il /15 dopo la numerazione fiscale) possono essere utilizzate anche  nel 2016 e negli anni successivi.